Login
» Home

Ciao a tutti !
La Pozzanghera torna con un nuovo spettacolo

 

VERIFICATO PER CENSURA

Testo e regia di Lidia Giannuzzi

 
Quando: Venerdì  17 Febbraio 2017 alle ore 21.00
 
Dove: Teatro Garage - Via Paggi, 43/b - Genova          

Regia: Lidia Giannuzzi

Allestimento e costumi: Lidia Giannuzzi

Interpreti: Domenico Baldini, Roberta De Donatis, Martina Pittaluga.

Biglietti: 
Intero 12.00 Ridotto 9.00 per informazioni www.teatrogarage.it oppure al 010/510731 

LA TRAMA:
Una giovane donna, incinta, sta sgombrando una soffitta, è il suo lavoro e lo fa con molta attenzione, anche perché non si tratta di una soffitta come la intendiamo noi ma del luogo dove risiedono i ricordi, la memoria, l’esperienza. Il Sistema di un non precisato futuro, ha stabilito che per la felicità degli uomini e per prevenire le malattie degenerative del cervello, la mente umana vada liberata dei ricordi inutili e soprattutto di quelli dolorosi, come noi facciamo ora con la memoria del nostro computer. Hope è una specialista tra le più quotate ma non ha fatto i conti con la proprietaria della “soffitta”, una donna dall’aspetto giovanile ma in realtà ormai in la con gli anni che non vuole che la sua mente sia sgomberata dai ricordi e soprattutto dalle lacrime. 
L’incontro tra le due è veramente poco amichevole sia dentro che fuori dalla “soffitta”, le due donne si scontrano sui temi dell’esperienza, della memoria, del dolore senza trovare grossi punti in comune, nemmeno la dolce attesa della ragazza riesce a smorzare i toni tra le due, ma lo sgombero deve essere completato secondo contratto. Ad ulteriore intralcio del suo lavoro, Hope, scopre che la donna è in possesso di alcune lettere, scritte da un uomo durante una cosa che lei non conosce e che si chiama Guerra. Queste lettere sono un ricordo scritto, fissato sulla carta e devono essere distrutte perché sono una memoria tangibile e oggettiva e considerate una minaccia dal Sistema. Ma l’anziana donna non ha idea di dove esse si trovino e non ne ha in apparenza nessun ricordo. 
Dopo un po’ di ricerche nella vera soffitta della donna trovano molte di queste lettere. Che strana sensazione toccare la carta e vedere per la prima volta una calligrafia, quasi incomprensibile in un primo momento ma che presto diventa molto familiare per Hope, che riderà del fatto che questi uomini scrivano da Mondovì come fosse in capo al mondo, o che chiedano scusa alla madre per non essere riusciti a dare notizie di se per qualche giorno, e dell’italiano sgangherato e scorretto in cui queste lettere sono scritte, ma capirà, guidata dall’anziana, che esse sono molto importanti per il futuro degli uomini e soprattutto di suo figlio. Ma lo sgombero deve essere portato a termine ed il suo bimbo/a non ha ancora un nome.
 
IL TESTO:
Tutto inizia da uno zio, che oramai non c’è più, un uomo dolce, mite che è stato in un campo di concentramento; un uomo che non ha mai raccontato niente di quello che ha vissuto nel campo di prigionia, nemmeno una parola alla moglie, alla figlia ai nipoti: come se avesse cancellato il ricordo. Non ne parlava perché lui non c’era mai stato! Ma poi spuntano delle lettere scritte alla madre prevalentemente, da lui e da due suoi fratelli. Lettere che raccontano, con una calligrafia fittissima, dai tempi in cui erano nei battaglioni dalle parti di Mondovì fino alla deportazione in Germania per uno e in Russia per un altro (Russia da cui non fece mai ritorno).
Lettere che raccontano cose semplici, come la necessità di fumare per stare meglio, la fame, la preoccupazione di rassicurare continuamente chi è a casa, la rassegnazione di non capire quanto durerà e quando si tornerà.
Da queste lettere e soprattutto dall’idea che le prossime generazioni non potranno più incontrare chi c’era e ha vissuto questa cosa, che ora vediamo in televisione, e che si chiama guerra e potranno anche credere che sia solo un racconto, un’invenzione e che non sia successo veramente o veramente così parte lo spettacolo VERIFICATO PER CENSURA per raccontare di ricordi, di esperienza e di memoria.
 
________________________________________________________________________________________

La Pozzanghera : dal 1988 garanzia di qualità

Feed Rss
News
17/02/2017
Teatro Garage -Venerdì 17/02/2017 ore 21.00
Verificato per censura - Una giovane donna, incinta, sta sgombrando una soffitta, è il suo lavoro e lo fa con molta attenzione, anche perché non si tratta di una soffitta come la intendiamo noi ma del luogo dove risiedono i ricordi, la memoria, l’es


28/01/2017
L'apparenza inganna-Teatro degli Emiliani-GeNervi
Sabato 28 Gennaio 2017 ore 21 - Lo spettacolo racconta di come un impiegato, contabile in un’azienda di produzioni derivanti dal caucciù, preservativi in primis, faccia in modo che tutti lo credano gay per non perdere il posto di lavoro e............


08/07/2016
Luci sul Forte
Notte n. dÓzze
da La dodicesima notte di William Shakespeare Venerdì 8 Luglio
alle ore 21.00 presso il Parco della Lanterna - Genova.
Spettacolo itinerante nel classico stile Pozzanghera


13/05/2016
Teatro Govi - Sogno di una notte di mezza estate
Teatro Govi di Genova Bolzaneto - Venerdì 13/05/2016 ore 21.00 - 'Sogno di una notte di mezza estate'


16/04/2016
Rumori fuori scena
Teatro di Cicagna Via Giovanni Gualberto, 1 Cicagna - Genova Sabato 16 Aprile - ore 21.00 continua »